Lug 31, 2015 - Europa, Guide    No Comments

Scoprire le Highlands scozzesi

 

Scoprire le Highlands scozzesi

Scoprire le Highlands scozzesi

Una delle prime ragioni per andare in Scozia è di sicuro il contatto con la sua natura selvaggia, unica in Europa. Le sue montagne, i loch, le foreste e le lande creano una scenografia grandiosa, a tratti quasi magica. Ed è qui, in questo contesto che bisogna partire per scoprire le Highlands scozzesi. Queste costituiscono la regione montuosa del paese (l’area è scarsamente popolata, poiché dominata da numerose catene montuose), posta a nord e ad ovest del Regno Unito. Esse sono comunemente descritte come una delle più belle e scenografiche regioni dell’Europa.

Agli occhi dei numerosi visitatori i paesaggi selvaggi delle Highlands sono i più rappresentativi della Scozia, tanto da costituire una delle maggiori attrattive. In questi luoghi molti vengono per le inquietanti rovine che costeggiano i laghi, per la nebbia che ricopre le torbiere scure, per le greggi di pecore che ostruiscono le stradine di campagna, per l’aspra bellezza delle montagne. Delle Highlands fanno parte alcuni luoghi suggestivi come:

  • Loch Ness un lago d’acqua dolce delle Highlands scozzesi, situato a sud-ovest di Inverness. È un lago dalle acque profonde (la profondità massima è 230 m), si estende per circa trentasette chilometri ed è il più largo specchio d’acqua di una valle conosciuta come Great Glen famoso per i èpresunti avvistamenti del mostro di Loch Ness, Nessie.
  • L’isola di Eilean Donan che si trova al centro della confluenza di tre laghi marini che formano il Loch Duich e dove sorge l’omonimo castello costruito nel 1220 e restaurato dopo due secoli di abbandono tra il 1912 e il 1932.
  • Fort Augustus è un insediamento nelle Highlands Scozzesi, sul lato sud-ovest del Loch Ness. Il villaggio ha una popolazione di poche centinaia di persone e che basa la sua economia sul turismo.
  • Inverness situata alla foce del fiume Ness. La città è il centro amministrativo dell’Highland council area ed è considerata la capitale delle Highlands.

È difficile consigliare una zona in particolare da visitare, nell’ampia distesa delle Highlands. I paesaggi sono estremamente vari, così come i modi di avvicinarli.

 

Giu 22, 2015 - Asia, Curiosità, India    No Comments

Le moderne meraviglie del mondo: Taj Mahal

Le moderne meraviglie del mondo: Taj Mahal

Le moderne meraviglie del mondo: Taj Mahal

Un altro luogo tra i più belli che abbia visitato si trova in un paese, per me, stupendo, l’India, anche questo luogo è annoverato tra le moderne meraviglie del mondo: Taj Mahal.

Il Taj Mahal, o palazzo della corona è un mausoleo che sorge ad Agra, nel nord dell‘India, lungo le sponde del fiume Yamuna. Il complesso fu commissionato dall’imperatore Moghul Shah Jahan, in memoria della seconda e più amata moglie Arjumand Banu Begam detta Mumtaz Mahal ( ovvero ” luce del palazzo”), principessa persiana morta nel 1631 a seguito di un parto. Iniziati nel 1632 i lavori sono durati 22 anni duranti i quali alla sua costruzione parteciparono ben 22 mila operai. Secondo la leggenda Jahan fece tagliare le mani agli operai affinché non costruissero più nulla di simile.

Questo luogo è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1983 . Per il suo splendore, per i suoi giochi di luce e ombre, le illusioni delle prospettive  questo luogo è l’esaltazione dell’architettura che si rende inimitabile. Se l’architettura è il tentativo dell’essere umano  di catturare il cielo, il Taj Mahal è l’espressione massima di avvicinamento tra uomo e Dio.

Tra le moderne meraviglie del mondo: Taj Mahal sicuramente è una delle più stupende in quanto questo vive come monumento dedicato all’amore eterno, infatti è un’opera “diabolica come l’amore”.Il Taj Mahal è la metafora perfetta dell’amore così come il suo ideatore l’ha concepita e che santifica e rende immortale l’amore tra Jahan e Mumtaz.

La frase più bella con cui si possa descrivere questo monumento è  quella del poeta Tagore è una lacrima di marmo poggiata sulla guancia del tempo“.

Mag 24, 2015 - Centro America, Mete    No Comments

Le moderne meraviglie del mondo: Chichén Itza

Le moderne meraviglie del mondo: Chichén Itza

Le moderne meraviglie del mondo: Chichén Itza

Nel seguente articolo vi voglio parlare di uno dei miei luoghi preferiti (e che ho avuto la fortuna di visitare più volte) e che è annoverato tra le moderne meraviglie del mondo: Chichén Itza.

Chichén Itza è il celebre complesso archeologico Maya, situato nel nord della penisola dello Yucatan, in Messico, un paese stupendo e ricco di storia come dimostrano le sue numerose rovine di grandiose popolazioni del passato.

Le rovine di questo sito si estendono su un’area di sei chilometri quadrati circa. Queste appartenevano a una città che fu uno dei più importanti centri della regione, i cui edifici presentano stili architettonici vari a seconda del periodo di appartenenza.

Come detto Il sito comprende numerosi e raffinati edifici in pietra, in vario stato di conservazione; alcuni erano adibiti a luogo di culto, altri erano palazzi di rappresentanza.   Tra le costruzioni principali vi posso ricordare:

  • piramide di Kukulkan ( nota come El Castillo),una delle più famose piramidi a gradoni del Messico, con scalinate che corrono lungo i quattro lati fino alla sommità.
    Agli equinozi di primavera e autunno si può assistere ad uno spettacolo incredibile, al calare e al sorgere del sole, gli angoli della piramide proiettano un’ombra a forma di serpente piumato (Kukulkan).
  • l’osservatorio astronomico (Caracol), unico edificio a forma arrotondata
  • Tempio dei guerrieri, con le sue file di colonne intagliate raffiguranti guerrieri nella parte antistante e sui lati
  • campo de la pelota
  • cenote sagrado, grotta con la presenza di acqua dolce che qui veniva usata per i sacrifici.

L’area presenta moltissimi altri luoghi di interesse, ma per chiunque vi giunga non può non sentire un profondo brivido di fronte a tanta bellezza che ha ancora la capacità di stupire dopo secoli e secoli, proprio per questi motivi tra le moderne meraviglie del mondo: Chichén Itza non può assolutamente mancare

 

Mag 6, 2015 - Asia, Consigli di viaggio    No Comments

Le moderne meraviglie del mondo: Petra

le moderne meraviglie del mondo: Petra

le moderne meraviglie del mondo: Petra

Nella Valle del Giordano, fertile e sempre mutevole, tra i solitari canaloni del deserto immensi e silenziosi sorge una tra le moderne meraviglie del mondo: Petra. La città scolpita nella roccia, è uno dei siti archeologici più importanti del pianeta. Petra fu la capitale dei Nabatei, un antico popolo dedito al commercio, ma venne abbandonata nell’VIII secolo. Il complesso fu scoperto nel 1812 dall’anglo-svizzero Johann Ludwing Burckhardt, che sentì parlare di un’antica città stretta tra montagne impenetrabili e decise di andarla a cercare.
La città è accessibile tramite una gola larga solo qualche metro, ma lunga più di un chilometro, il Siq, dove appare improvvisamente El Khasneh, scolpito nella parete di roccia, con i suoi 28 metri di larghezza e 40 di altezza. Da qui si procede sulla Strade delle Facciate, sui cui lati si trovano tombe e case costruite con uno stile simile all’architettura assira. Sulla sinistra si trova il Teatro, costruito dai Nabatei e ampliato, fino a contenere 8000 persone, dai romani dopo la conquista. Continuando si giunge in un’ampia vallata che ospitava il centro della città, col mercato, il palazzo reale, il tribunale e le tombe reali. Al di là delle montagne si può raggiungere il monastero, raggiungibile dopo aver attraversato una scalinata di quasi 1000 gradini. Queste antiche rovine emergono da una terra di contrasti e di incantevole bellezza, tanto che Petra è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’Unesco. Diceva di questa città Lawrence d’Arabia “ Petra è il più bel luogo della terra…non per le rovine, ma per i colori delle sue rocce tutte rosse nere con strisce verdi e azzurre. Non saprai mai cos’é Petra in realtà, a meno che tu non ci venga di persona.” Per tutto questo è giusto annoverare tra le moderne meraviglie del mondo: Petra.

Apr 26, 2015 - Europa, Guide    No Comments

Cosa fare a Praga in un weekend

Cosa fare a Praga in un weekend

Cosa fare a Praga in un weekend

La capitale della Repubblica Ceca è considerata da molti la Parigi dell’est per la sua bellezza che racchiude, come la capitale francese,  quegli stili tipici propri come il gotico, barocco e liberty che la contraddistinguono. Nonostante la grande storia che questa città racchiude è da dire che sta diventando una moderna metropoli che non ha nulla da invidiare alle altre grandi città europee, infatti  vi si trovano moltissimi ristoranti, pub, centri commerciali ed hotel. Nonostante questi cambiamenti Praga mantiene intatto quel suo fascino che attira molti turisti. Per chi avesse intenzione di visitarla e non avesse a disposizione molto tempo, vi possiamo dare dei consigli su cosa fare a Praga in un weekend. La cosa più classica è di visitare i due quartieri principali di Praga:

  • La Città Piccola, qui è possibile visitare il castello medievale di Praga, che sovrasta la città, i giardini reali, un’immensa distesa verde, nelle sue vicinanze. Consigliamo di passare un po’ di tempo sull’isola di Kampa, che si trova vicino al ponte Carlo che unisce questo quartiere con la Città Vecchia e dalle cui torri si può ammirare lo splendido panorama della città (sono due le torri, poste sulle sponde della Moldava).
  • La Città Vecchia: qui potrete visitare la piazza della città vecchia, con l’orologio astronomico e la torre del municipio, dalla quale potrete vedere Praga dall’alto. Camminando lungo le strade che escono dalla piazza potrete arrivare alla grandissima e famosissima piazza San Venceslao, attorniata da moltissimi palazzi storici tra i quali spicca il Museo Nazionale Ceco. Da vedere ancora in questa zona vi è una delle storiche porte della città, La Torre delle Polveri, vicino alla quale troverete la Casa Municipale. Degno di visita è anche il quartiere ebraico che si trova in questa parte della città.

Praga non è tutta qui, vi sono moltissimi altri luoghi interessanti e stupendi da vedere e visitare, come la collina di Petrin, la chiesa di Santa Maria di Tyn, la torre della televisione o la collina di Vysehrad con il suo cimitero monumentale e moltissimi altri; qui vi sono stati dati solo dei consigli su cosa fare a Praga in un weekend. Se vi avanzasse del tempo, vi consigliamo di fare la crociera sul fiume Moldava, per ammirare Praga da un’altra splendida prospettiva.

Durante il vostro soggiorno vi consigliamo i ristoranti come la Birreria del Monastero di Starhov, che offre del buon cibo accompagnato da birra della casa a un prezzo bassissimo; il Kolkovna, per zuppe, pasta piatti tradizionali o veloci accompagnati sempre da una buona birra. Durante i vostri giri mattutini e pomeridiani n on potete non assaggiare le torte dell’Ovocny Svetozor.

Per gli amanti della vita notturna Praga offre una vasta scelta di locali, tra questi il Duplex o il Malostranska Beseda.

Ora non vi resta che partire alla scoperta della Parigi dell’Est.

Apr 25, 2015 - Curiosità    No Comments

Venezia: 25 aprile, non solo festa della Liberazione

Venezia: 25 aprile, non solo festa della Liberazione

Venezia: 25 aprile, non solo festa della Liberazione

Il 25 aprile in tutta Italia si commemora la giornata che diede avvio all’insurrezione generale che avrebbe portato alla liberazione dall’occupazione nazista e dal governo fascista; per gli Italiani tale giornata è il simbolo della resistenza vittoriosa dei partigiani durante la seconda guerra mondiale.
Come Italiano festeggio la Liberazione, ma come veneziano vi devo spiegare il perché del titolo: Venezia: 25 aprile, non solo festa della Liberazione. Per la città di Venezia e per i suoi abitanti, il 25 aprile è una tradizione molto più antica della festa nazionale, in quanto è il giorno della festa di San Marco, suo patrono, le cui reliquie furono trafugate da Alessandria d’Egitto e portate nella città nel 828. In questo giorno, però, a Venezia vi è anche un’altra festa, “La festa del bocolo”, durante la quale è tradizione regalare un “bocolo”, cioè un bocciolo di rosa, alla donna amata.
Questa tradizione diffusissima a Venezia, trova il suo fondamento in una leggenda che vi riporto di seguito:
Maria, figlia di un patrizio veneziano, Orso Partecipazio, biondissima e soave fanciulla che tutti chiamavano Vulcana perché aveva le fiamme ardenti nella profondità degli occhi nerissimi, avea veduto Tancredi, un trovatore, figlio della sorte, valoroso e bello. Si amarono, l’umile troviero e la giovane patrizia, la quale, però, sapeva che l’orgoglioso genitore non l’avrebbe concessa al povero cantore. E disse a lui:” Va presso il re di Francia e copriti di gloria; allora il padre mio benedirà il nostro amore. Io ti attenderò sempre.”
Il trovatore partì e combattendo per la Francia contro i Mori, i giullari cominciarono a cantare le gesta di Tancredi, invincibile sul campo di battaglia e soavissimo cantore di storie d’amore. Un giorno giunsero a Venezia degli inviati di Carlo Magno, guidati da Orlando che chiese di avere un colloquio con Vulcana. Piegato dinnanzi a lei in ginocchio le disse: “ Tancredi, pronunziando il vostro nome, nelle mie braccia spirò. Cadde sanguinando sopra un rosaio. Colse una rama e mi pregò di farvela avere. Ecco il fiore, o benedetta fra le donne, o fortunata, che foste amata dalla più grande anima che Orlando abbia conosciuto.”
Vulcana, impallidita, accettò il fiore senza versare una lacrima. Il giorno seguente (era il 25 aprile, San Marco), fu trovata morta con la rosa sul cuore.
Da quel giorno i veneziani, in omaggio a quel grande amore, offrono ogni anno a San Marco, un bocciolo di rosa (rossa) alla donna amata.
Se mai vi trovaste a Venezia con la vostra amata il 25 aprile e aveste uno spirito romanico, se volete raccontatele questa storia, ma non dimenticate di regalarle un bocciolo di rosa rossa perché a Venezia: 25 aprile, non solo festa della Liberazione.

Apr 23, 2015 - Europa, Guide, Mete    No Comments

Berlino: una città tra passato e futuro

Berlino: una città tra passato e futuro

Berlino: una città tra passato e futuro

Berlino: una città tra passato e futuro, questo perché dopo la riunificazione la città è diventata un immenso cantiere a cielo aperto a causa delle demolizioni e trasformazioni del paesaggio urbano. Sempre più turisti internazionali stanno scoprendo Berlino, una città multietnica e giovane proiettata verso il futuro. La capitale della Germania è caratterizzata da un passato nobile, ma allo stesso tempo da una capacità e un coraggio di rinascere. Questo è visibile visitando il Reichstag dove si sarà testimoni della simbiosi tra antico e moderno e della separazione che la città subì durante la guerra fredda. Dalla piattaforma panoramica, da cui si può godere di una vista stupenda della città, potete continuare il vostro giro procedendo verso la Porta di Brandeburgo, simbolo della riunificazione. Vi consigliamo di fare una piccola deviazione verso il Gendarmenmarkt, un viale ricco di tradizione fiancheggiato da grandiosi edifici di epoche diverse. Continuando il giro, raggiungerete il Ponte del Castello, da dove potrete arrivare al Berliner Dom, la cattedrale della città. Da qui potrete scegliere, a seconda dei gusti, se far visita alle antichità del Pergamonmuseum, ai reperti egizi del Agyptisches Museum o di vedere i stupendi quadri dell’Alte Nationalgalerie. Dopo aver girato il centro storico di Berlino, potrete visitare la sua parte più nuova partendo da Potsdamer Platz, un complesso sorto praticamente dal nulla. Anche questa zona è ricca di centri culturali e musei che meritano di essere visitati. Una passeggiata di sicuro la dovrete fare sul Kurfurstendamm e visitare poi la chiesa commemorativa dedicata a Guglielmo I, la Kaiser Wilhelm Gedachtniskirche. Non dimenticate di sperimentare la vita notturna della capitale, magari al Friedrichstadplalats, uno dei cabaret più famosi della città. Non son certo da dimenticare altri luoghi quali Alexanderplatz, la piazza principale di Berlino, lo Zoologischer Garten e il castello di Charlottenburg.
E ora tocca a voi, lasciatevi condurre lungo il piacere del viaggio alla scoperta di Berlino.

Apr 21, 2015 - Europa, Offerte    No Comments

Idee ponte 1° maggio 2015

Idee ponte 1° maggio 2015

Idee ponte 1° maggio 2015

Non avete idee ponte 1° maggio 2015? Beh, forse possiamo esservi d‘aiuto. Con l’inizio della prima molte compagnie aeree hanno iniziato a lanciare offerte vantaggiosissime per molti voli, che potranno essere la base del vostro viaggio. Di seguito riportiamo le mete più economiche per il periodo compreso dal 30 aprile al 3 maggio 2015. I prezzi riportati intendono il volo di andata e ritorno più il soggiorno in hotel per 3 notti:
Barcellona: capitale della Cataloña, è una destinazione sempreverde. Visitando il web si trova un’offerta con Skyscanner di 458€ per l’intero soggiorno ( volo Easyjet e soggiorno all’hotel Eurostars Mitre);
Berlino: la capitale tedesca è una nuova meta tutta da scoprire, con Booking si trova una super offerta: 543€ (per due persone), volo Easyjet e soggiorno presso il Leonardo Royal Hotel.
Praga: la Parigi dell’est, altra meta intramontabile. Sempre con Booking troviamo un’ottima offerta per un soggiorno per due persone al City Partner Hotel Victoria a 268€ che col costo del volo ( andata Lufthansa rientro con Austrian) raggiunge i 350€ a persona.
Lisbona: per questa meta giovane si parla per il soggiorno di 200€ per due persone all’Amazonia Lisboa hotel che col costo del volo ( andata e ritorno con la Tap) giunge a 400€ a persona.
Ora, se desiderate vedere una di queste stupende città, non vi resta che scegliere la vostra meta e partire.

Cuba l’isola da riscoprire

Cuba l'isola da riscoprire

Cuba l’isola da riscoprire

Dopo i recenti avvenimenti e il disgelo con gli Stati Uniti, è Cuba l’isola da riscoprire; questo è infatti l’anno del rilancio per lo stato caraibico che è ora pronto a mostrarci tutta la sua bellezza.
Cuba, a gusto personale, è la perla dei Caraibi e possiede moltissimi motivi per spingere le persone ad andarci o ritornarci:
L’Habana, la sua capitale, cuore pulsante dell’isola. Dal suo lungomare, il Malecón, lungo quattro chilometri, in una giornata limpida si possono vedere le coste della Florida. Proprio su questo lungomare si affacciano molti palazzi storici. É qui che potrete visitare la Bodeguita del Medio, molto amata da Hemingway, luogo in cui si possono sorseggiare i classicissimi mojito. Per chi volesse seguire le orme di Hemingway, ricordiamo El Floridita (dove al suo interno vi è anche una statua che ricorda lo scrittore), uno dei migliori luoghi dove mangiare pesce e bere daiquiri. L’Habana Vieja invece è il cuore coloniale della città, dove lungo le sue viuzze ci si può immergere nella sua parte più autentica e storicamente interessante.
Cuba è famosissima anche per le sue spiagge di sabbia bianca, palme e il mare cristallino come a Varadero, una delle mete turistiche più gettonate grazie anche alle sue strutture di alto livello. Per gli amanti del mare e delle belle spiagge non bisogna certo dimenticare Holguin.
Cuba è anche la sua incontaminata natura; la maggior parte delle persone si concentra nella capitale e nelle sue spiagge, eppure l’interno dell’isola è un’esplosione spettacolare di verde incontaminato, come si può vedere nella valle di Viñales, caratterizzata dalle mogotes, colline calcaree.
Quest’isola è anche disseminata di molte città coloniali come Santiago de Cuba, Camaguey o Trinidad (considerata la città museo dei Caraibi).
Infine possiamo dire che un ulteriore motivo per andare ai Caraibi a visitarla è la sua cultura e la musica che sarà la colonna sonora del viaggio a Cuba, l’isola da riscoprire.

Apr 15, 2015 - Consigli di viaggio    No Comments

Viaggio nel mondo: esperienze e consigli

Viaggio nel mondo

Viaggio nel mondo

In questo blog “Viaggio nel mondo: esperienze e consigli”, cercherò di proporre degli articoli per poter aiutare a scegliere viaggi e mete grazie alla mia esperienza decennale di assistente di volo.

Questo lavoro mi ha portato a visitare molti luoghi in giro per il mondo, ma non tutti sia chiaro, anche perché il mondo ha una grandezza che nessuno può abbracciare completamente.
Grazie a queste esperienze cercherò di dare notizie utili per poter organizzare viaggi, o dare semplicemente degli spunti per mete che non si hanno in mente perché il viaggio è l’incontro con gli altri, paesaggi, colori, modi differenti di sentire e vivere la natura.

Viaggio nel mondo: esperienze e consigli” sarà quindi un aiuto per iniziare a mettervi in contatto con altri modi di vivere, religioni e modi di vedere il mondo e la sua storia, infatti è tramite il viaggio che scopriamo noi stessi e gli altri, tutti parte di un unico universo che è familiare ed estraneo allo stesso tempo.

Sperando di esservi utile fin dal prossimo articolo, Vi saluto cordialmente, per quanti seguirete questo blog,
Andrea